info@tuttoambiente.it   0523.315305
   
Top

D.M. 12 Maggio 2021

Mobility manager, nuovi obblighi per le imprese!

Gazzetta ufficiale: Serie Generale n.124 del 26-05-2021

Il 27 maggio 2021 è entrato in vigore il Decreto 12 maggio 2021 del Ministero della Transizione Ecologica in concerto con il Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili. Il DM mira a fare chiarezza sulle modalità attuative delle disposizioni relative all’importantissima figura del Mobility Manager.

Il provvedimento ha come obiettivo, infatti, quello di favorire la riduzione dell’impatto ambientale derivante dal traffico veicolare privato in particolare nelle aree urbane e metropolitane. Sarà indispensabile intervenire sull’organizzazione e la gestione della domanda di mobilità delle persone, ad esempio promuovendo il trasporto pubblico per gli spostamenti sistematici casa-lavoro, attuare piani di decongestionamento del traffico veicolare nelle grandi metropoli, ecc.

Alcune definizioni fondamentali:

Mobility Manager Aziendale: figura specializzata, ai sensi dell’art. 5, nel governo della domanda di mobilità e nella promozione della mobilità sostenibile nell’ambito degli spostamenti casa-lavoro del personale dipendente;
Mobility Manager d’area: figura specializzata nel supporto al comune territorialmente competente, presso il quale è nominato ai sensi dell’art. 5, comma 3, nella definizione e implementazione di politiche di mobilità sostenibile, nonché nello svolgimento di attività di raccordo tra i Mobility Manager Aziendali;
Piano degli spostamenti casa-lavoro (PSCL): strumento di pianificazione degli spostamenti sistematici casa-lavoro del personale dipendente di una singola unità locale lavorativa, di cui al successivo art. 3.

Inoltre, le imprese e le pubbliche amministrazioni con singole unità locali (con più di 100 dipendenti) ubicate in un capoluogo di regione o in una città metropolitana o in un capoluogo di provincia o in un comune con popolazione superiore a 50.000 abitanti sono tenute ad adottare, entro il 31 dicembre di ogni anno, il PSCL del proprio personale dipendente.

Tutte le realtà che non rientrano nei predetti requisiti possono comunque procedere facoltativamente all’adozione del Piano degli spostamenti casa-lavoro del proprio personale.

Leggi testo completo legge

Art. 1

Oggetto e finalita’

1. Il presente decreto definisce le modalita’ attuative delle
disposizioni di cui all’art. 229, comma 4, del decreto-legge 19
maggio 2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17
luglio 2020, n. 77.
2. Il presente decreto e’ finalizzato a consentire la riduzione
strutturale e permanente dell’impatto ambientale derivante dal
traffico veicolare privato nelle aree urbane e metropolitane,
promuovendo la realizzazione di interventi di organizzazione e
gestione della domanda di mobilita’ delle persone che consentano la
riduzione dell’uso del veicolo privato individuale a motore negli
spostamenti sistematici casa-lavoro e favoriscano il
decongestionamento del traffico veicolare.

Art. 2

Definizioni

1. Ai fini del presente decreto si applicano le seguenti
definizioni:
a) «mobility manager aziendale»: figura specializzata, ai sensi
dell’art. 5, nel governo della domanda di mobilita’ e nella
promozione della mobilita’ sostenibile nell’ambito degli spostamenti
casa-lavoro del personale dipendente;
b) «mobility manager d’area»: figura specializzata nel supporto
al comune territorialmente competente, presso il quale e’ nominato ai
sensi dell’art. 5, comma 3, nella definizione e implementazione di
politiche di mobilita’ sostenibile, nonche’ nello svolgimento di
attivita’ di raccordo tra i mobility manager aziendali;
c) piano degli spostamenti casa-lavoro (PSCL): strumento di
pianificazione degli spostamenti sistematici casa-lavoro del
personale dipendente di una singola unita’ locale lavorativa, di cui
al successivo art. 3.

Art. 3

PSCL

1. Fermo restando quanto previsto dall’ art. 5, comma 6 della legge
28 dicembre 2015, n. 221, le imprese e le pubbliche amministrazioni
di cui all’art. 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n.
165, con singole unita’ locali con piu’ di 100 dipendenti ubicate in
un capoluogo di regione, in una citta’ metropolitana, in un capoluogo
di provincia ovvero in un comune con popolazione superiore a 50.000
abitanti sono tenute ad adottare, entro il 31 dicembre di ogni anno,
un PSCL del proprio personale dipendente.
2. Al fine della verifica della soglia dei 100 dipendenti in ogni
singola unita’ locale ai sensi del comma 1, si considerano come
dipendenti le persone che, seppur dipendenti di altre imprese e
pubbliche amministrazioni, operano stabilmente, ovvero con presenza
quotidiana continuativa, presso la medesima unita’ locale in virtu’
di contratti di appalto di servizi o di forme quali distacco, comando
o altro.
3. Le imprese e le pubbliche amministrazioni che non rientrano tra
quelle di cui al precedente comma 1 possono comunque procedere
facoltativamente all’adozione del PSCL del proprio personale
dipendente.
4. Il PSCL, finalizzato alla riduzione del traffico veicolare
privato, individua le misure utili a orientare gli spostamenti
casa-lavoro del personale dipendente verso forme di mobilita’
sostenibile alternative all’uso individuale del veicolo privato a
motore, sulla base dell’analisi degli spostamenti casa-lavoro dei
dipendenti, delle loro esigenze di mobilita’ e dello stato
dell’offerta di trasporto presente nel territorio interessato. Il
PSCL definisce, altresi’, i benefici conseguibili con l’attuazione
delle misure in esso previste, valutando i vantaggi sia per i
dipendenti coinvolti, in termini di tempi di spostamento, costi di
trasporto e comfort di trasporto, sia per l’impresa o la pubblica
amministrazione che lo adotta, in termini economici e di
produttivita’, nonche’ per la collettivita’, in termini ambientali,
sociali ed economici.
5. Fermo restando quanto disposto dall’art. 9, comma 1, con
successivo decreto direttoriale del Ministero della transizione
ecologica e del Ministero delle infrastrutture e della mobilita’
sostenibile, entro novanta giorni dall’entrata in vigore del presente
decreto, sono adottate le «Linee guida per la redazione e
l’implementazione dei piani degli spostamenti casa-lavoro (PSCL)»,
tenendo conto dei principi previsti nel presente decreto.

Art. 4

Adozione, trasmissione
e aggiornamento del PSCL

1. Il PSCL adottato dalle imprese e dalle pubbliche amministrazioni
di cui all’art. 3, comma 1, e’ trasmesso al comune territorialmente
competente entro quindici giorni dall’adozione.
2. Al fine di ottimizzare le politiche locali di mobilita’
sostenibile, il Comune, con il supporto del mobility manager d’area,
individua, d’intesa con il mobility manager aziendale che ha prestato
la propria attivita’ a supporto dell’adozione dello specifico PSCL
trasmesso ai sensi del comma 1, eventuali modifiche al PSCL medesimo,
e puo’ stipulare con l’impresa o la pubblica amministrazione che lo
ha adottato, intese e accordi per una migliore implementazione del
PSCL.


Art. 5

Mobility manager aziendale
e mobility manager d’area

1. Ai fini dell’adozione del PSCL, le imprese e le pubbliche
amministrazioni di cui all’art. 3, comma 1, nominano il mobility
manager aziendale, con funzioni di supporto professionale
continuativo alle attivita’ di decisione, pianificazione,
programmazione, gestione e promozione di soluzioni ottimali di
mobilita’ sostenibile.
2. Le imprese e le pubbliche amministrazioni che non rientrano tra
quelle di cui all’art. 3, comma 1, possono comunque procedere
facoltativamente alla nomina del mobility manager aziendale.
3. I comuni di cui all’art. 229, comma 4, del decreto-legge 19
maggio 2020, n. 34, nominano il mobility manager d’area, svolgente
funzioni di raccordo tra i mobility manager aziendali con compiti di
supporto ai comuni stessi nella definizione e implementazione di
politiche di mobilita’ sostenibile.

Art. 6

Funzioni del mobility manager aziendale
e del mobility manager d’area

1. Al mobility manager aziendale sono attribuite le seguenti
funzioni:
a) promozione, attraverso l’elaborazione del PSCL, della
realizzazione di interventi per l’organizzazione e la gestione della
domanda di mobilita’ del personale dipendente, al fine di consentire
la riduzione strutturale e permanente dell’impatto ambientale
derivante dal traffico veicolare nelle aree urbane e metropolitane;
b) supporto all’adozione del PSCL;
c) adeguamento del PSCL anche sulla base delle indicazioni
ricevute dal comune territorialmente competente, elaborate con il
supporto del mobility manager d’area;
d) verifica dell’attuazione del PSCL, anche ai fini di un suo
eventuale aggiornamento, attraverso il monitoraggio degli spostamenti
dei dipendenti e la valutazione, mediante indagini specifiche, del
loro livello di soddisfazione;
2. Al mobility manager aziendale sono altresi’ assegnate le
seguenti funzioni:
a) cura dei rapporti con enti pubblici e privati direttamente
coinvolti nella gestione degli spostamenti del personale dipendente;
b) attivazione di iniziative di informazione, divulgazione e
sensibilizzazione sul tema della mobilita’ sostenibile;
c) promozione con il mobility manager d’area di azioni di
formazione e indirizzo per incentivare l’uso della mobilita’
ciclo-pedonale, dei servizi di trasporto pubblico e dei servizi ad
esso complementari e integrativi anche a carattere innovativo;
d) supporto al mobility manager d’area nella promozione di
interventi sul territorio utili a favorire l’intermodalita’, lo
sviluppo in sicurezza di itinerari ciclabili e pedonali, l’efficienza
e l’efficacia dei servizi di trasporto pubblico, lo sviluppo di
servizi di mobilita’ condivisa e di servizi di infomobilita’.
3. Al mobility manager d’area sono attribuite le seguenti funzioni:
a) attivita’ di raccordo tra i mobility manager aziendali del
territorio di riferimento, al fine dello sviluppo di best practices e
moduli collaborativi, anche mediante convocazione di riunioni, una
tantum o con cadenze periodiche, e organizzazione di incontri e
seminari, comunque denominati, e svolgimento di ogni altra attivita’
utile al miglioramento delle pratiche di redazione dei PSCL;
b) supporto al Comune di riferimento nella definizione e
implementazione di politiche di mobilita’ sostenibile;
c) acquisizione dei dati relativi all’origine/destinazione ed
agli orari di ingresso ed uscita dei dipendenti e degli studenti
forniti dai mobility manager aziendali e scolastici e trasferimento
dei dati in argomento agli enti programmatori dei servizi pubblici di
trasporto comunali e regionali.

Art. 7

Requisiti del mobility manager aziendale
e del mobility manager d’area

1. Il mobility manager aziendale e il mobility manager d’area sono
nominati tra soggetti in possesso di un’elevata e riconosciuta
competenza professionale e/o comprovata esperienza nel settore della
mobilita’ sostenibile, dei trasporti o della tutela dell’ambiente.
2. I comuni di cui all’art. 5, comma 3 e le pubbliche
amministrazioni di cui all’art. 3, comma 1, individuano il mobility
manager d’area e il mobility manager aziendale tra il personale in
ruolo avente i requisiti di cui al comma 1.
3. Le aziende di cui all’art. 3, comma 1 assicurano che i mobility
manager aziendali siano in possesso dei requisiti di cui al comma 1.
4. In ogni caso, le funzioni e le attivita’ del mobility manager
aziendale e del mobility manager d’area nelle pubbliche
amministrazioni si conformano a quanto disposto dal decreto del
Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62, dalla legge 6
novembre 2012, n. 190 e dal decreto legislativo 8 aprile 2013, n. 39.

Art. 8

Premialita’

1. Nell’ambito dei programmi di finanziamento per la realizzazione
di interventi di mobilita’ sostenibile promossi dal Ministero della
transizione ecologica, dal Ministero delle infrastrutture e della
mobilita’ sostenibili ovvero congiuntamente dai medesimi Ministeri,
puo’ essere assegnata una premialita’ ai comuni che presentano un
progetto derivante dalla integrazione e dal coordinamento di piu’
PSCL relativi al proprio territorio, adottati e aggiornati ai sensi
del presente decreto.

Art. 9

Disposizioni transitorie e finali

1. In fase di prima applicazione, i PSCL sono adottati entro
centottanta giorni dall’entrata in vigore del presente decreto.
2. Le amministrazioni pubbliche provvedono all’attuazione del
presente decreto con le risorse umane, strumentali e finanziarie
disponibili a legislazione vigente sui propri bilanci, e comunque
senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.
3. Ai mobility manager d’area e ai mobility manager aziendali che
svolgono la propria attivita’ presso o in favore di pubbliche
amministrazioni non sono corrisposti, per lo svolgimento del relativo
incarico, gettoni, compensi, rimborsi di spese o altri emolumenti,
comunque denominati.
Il presente decreto entra in vigore il giorno successivo alla data
di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Roma, 12 maggio 2021

© Riproduzione riservata